A che livello è il tuo inglese?

Lingua inglese

“Mi so orientare!”, “Lo comprendo, ma non lo parlo!”, “Ho più facilità nello scrivere piuttosto che nel parlare!”.

Vi riconoscete in queste affermazioni? Solitamente, a questa domanda, capita spesso di non saper dare una risposta chiara e definita.

Le difficoltà che si incontrano nell’apprendimento di una lingua sono molteplici. Vuoi perché è una lingua che non ci appartiene naturalmente, vuoi perché esistono dei modi di dire particolari, o perché la presenza di eccezioni e di regole grammaticali, rende la lingua un po’ ostica.

Don’t give up guys!

Non comprendere tutto non è assolutamente un problema insormontabile, in particolar modo quando si è principianti.

L’inesperienza nell’utilizzo della lingua inglese ha delle radici più profonde di quello che si possa immaginare. Questo limite, spesso, deriva da un fattore culturale oltre che didattico.

Riportiamo un semplice ma efficace esempio: nella maggior parte dei casi, le tanto amate serie tv vengono viste non in lingua originale. Questo non accade all’estero!

 Oltretutto, una nota dolente è che gli studenti, in particolare quelli italiani, concentrano la loro attenzione sulle regole grammaticali essendo anche molto ferrati, ma hanno poi difficoltà nel chiedere una semplice informazione.

Serie tv: apprendere con entusiasmo

Se al tempo trascorso nel vedere le serie tv, si aggiungesse un pizzico di volontà e un ottimo corso di lingua inglese, imparare la lingua sarebbe per tutti un gioco da ragazzi!

Apprendere con entusiasmo guardando serie tv è una pratica utile a migliorare il proprio livello di esperienza e di conoscenza. Non resta altro che mantenere viva questa abitudine, ampliando così il proprio vocabolario.

Prendersi del tempo per imparare l’inglese a fine giornata, magari rilassandosi comodamente sul divano con una serie tv aiuta:

  • nel listening
  • nello speaking
  • nella pronunciation

Questo perché le serie tv presentano una varietà di scelte lessicali, casi e accenti.

Guardare ciò che ti piace è una vera full immersion di passione e interesse, così lo studio non sarà noioso, ma dinamico e coinvolgente. È, soprattutto, diventerà un allenamento efficace per integrare le conoscenze grammaticali e di sintassi apprese durante i corsi di formazione come quelli offerti da Opera Project.

I miglioramenti raggiunti grazie alle serie tv non sono però abbastanza per acquisire la giusta dimestichezza con la lingua inglese. È, infatti, necessario che le lacune vengano sempre supportate e colmate da professionisti, come lo staff di docenti esperti di Opera Project.

 Affianca alla tua abitudine un proficuo studio della lingua.

 Affianca allo studio della lingua inglese attività entusiasmanti come guardare serie tv.

Questo è il consiglio che noi di Opera Project ti forniamo.

Lascia che uno staff di esperti ti indirizzi sul giusto percorso da seguire!

Visita la nostra pagina facebook OPERA PROJECT o passa a trovarci in Viale Abruzzo, 313 a Chieti Scalo (CH). Ti aspettiamo!

Annunci

Perché gli italiani hanno difficoltà con la lingua inlgese?

Ti piace viaggiare? Sei appena tornato da un viaggio e non vedi l’ora di organizzare il prossimo? Pensi all’idea di trasferirti all’estero? C’è una motivazione profonda a questa irrefrenabile ed impetuosa voglia di prendere e partire alla scoperta di nuove mete. Il motore propulsore che ci spinge ad andare oltre i nostri confini è determinato da una ragione molto semplice: viaggiare ci rende felici e liberi! Capita spesso però, di arrivare nella meta tanto desiderata e di iniziare ad inciampare nelle prime difficoltà. Prima tra tutte l’utilizzo della lingua internazionale per eccellenza, l’inglese. L’inglese è intorno a noi.

Ognuno di noi può imparare una nuova lingua, è divertente e stimolante, nonché facile. Tra tutte, quella più amata è la lingua inglese che oggi è considerata una delle più facili che esistono. La sua facilità deriva dal fatto che i vocaboli inglesi sono tutti intorno a noi. Comunichiamo tramite chat di whatsapp, facebook, instagram e la parola “chat” deriva proprio dal verbo “to chat” che, in italiano traduce chiacchierare. Eppure continuiamo ad avere enormi difficoltà nell’esporre un concetto a volte molto semplice. Viviamo nell’era del digitale, ogni giorno sperimentiamo l’utilizzo di app innovative, ci interfacciamo con e sui social network, leggiamo vocaboli nuovi in rete, sui cartelloni pubblicitari e nei film. Tutte le parole inglesi che ci circondano possono aiutarci, ma non è abbastanza!

Più pratica, meno teoria!

Grazie agli studi condotti dalla Commissione Europea e alla Banca dati della Scuola di inglese, sono emersi dei dati poco positivi sugli italiani: il 40% degli italiani sostiene che, a causa di una non conoscenza o conoscenza scarsa della lingua inglese, ha perso opportunità di lavoro interessanti. Sarebbe necessaria una rivisitazione del metodo didattico – pedagogico dato che nella scuola italiana ci si sofferma maggiormente sulla grammatica e sulla scrittura. In Olanda, ad esempio, le ore settimanali di studio della lingua inglese sono 2 come in Italia, ma ci si sofferma soprattutto sullo speaking e sulla conversation. Gli studenti olandesi, simulano situazioni reali applicando la lingua inglese esercitandosi sullo scambio e sul confronto verbale.

Senza-titolo-2

Un’altra notevole differenza tra questi due Paesi presi in esame che, purtroppo, fa emergere l’arretratezza dell’Italia è dovuta alle dinamiche sociali interne. L’atteggiamento di chiusura del nostro Paese nei confronti di tutto ciò che è diverso, ci rende limitati, catapultandoci in situazioni problematiche a cui non sappiamo trovare soluzione. Le ore di lezione a scuola non sono abbastanza sufficienti per farci acquisire padronanza della

lingua inglese. Bisognerebbe impegnarsi anche al di fuori delle mura scolastiche, un esempio? Guardare le serie tv o i film preferiti in lingua o con il supporto di sottotitoli, tradurre i testi delle canzoni, fare ricerche o consultare siti web in inglese, e, soprattutto, sfruttare i viaggi anche per sforzarsi a parlare in inglese. La capacità di apprendere vocaboli e modi dire è molto alta.

Un ulteriore stimolo per conoscere una nuova lingua in maniera approfondita e puntuale è quello dato dall’affiancamento di persone esperte e del settore. Con il team di Opera Project, ad esempio, puoi superare gli ostacoli e sentirti pronto ad affrontare un viaggio o un colloquio di lavoro all’estero. Con un po’ di volontà anche gli ostacoli più difficili si superano con successo. Ti aspettiamo da Opera Project per affiancarti nello studio e nella conoscenza della lingua inglese.

 

Mettiti alla prova con un CV di successo!

Ognuno di noi trova soddisfazione in ciò che fa quando la motivazione e l’entusiasmo si alimentano giorno dopo giorno.

Prima di mettersi alla prova però, è fondamentale studiare la stesura del proprio cv e curarne ogni singolo aspetto.

Del resto il curriculum è un vero e proprio biglietto da visita per le aziende. Una precisa immagine di noi stessi in giro per il mondo!

Scopriamo, allora, qualche segreto.

Attira l’attenzione dei recruiter

Sono molte le domande che ci poniamo prima di scrivere un curriculum, la più frequente è: quanto deve essere lungo?

In realtà la risposta è più semplice di quello che si pensi: non più di due pagine. Questo perché il selezionatore impiegherà pochi secondi per guardare il nostro cv.

Sta a noi, quindi, riassumere in modo esaustivo tutte le nostre esperienze formative e professionali così da rendere, sin da una prima lettura, il nostro profilo originale ed interessante al punto da ottenere un colloquio con l’azienda che abbiamo scelto.

Seleziona l’essenziale

Limitarsi nell’elencare i propri traguardi scolastici e le esperienze professionali. Non sono la giusta chiave per rendere il nostro curriculum originale ed accattivante anzi, al contrario, potrebbero renderlo estremamente noioso, generico e anonimo.

Bisogna avere un obiettivo sempre chiaro durante la scrittura di un cv, ovvero: mettere maggiormente in risalto i propri punti di forza con chiarezza e semplicità.

A questo punto, seleziona e aggiungi le informazioni in base alla rilevanza della posizione per la quale hai deciso di candidarti.

10 linee guida per un ottimo CV in inglese

Tradurre un CV dall’italiano all’inglese non è, nella maggior parte dei casi, un’operazione sufficiente e completa. Il lavoro da compiere è ben più dettagliato e profondo.

Assodata la conoscenza della lingua inglese, diviene fondamentale saper strutturare un cv. Di seguito riportiamo alcune informazioni che devono essere presenti per un cv in inglese che riscontri successo.

  1. Inserire una foto, usanza prettamente anglosassone, a mezzo busto, con sfondo bianco, che ci ritrae sorridenti ma in un contesto formale. Sinteticamente professionale.
  2. Inserire personal details.
  3. Inserire il proprio percorso scolastico o education.
  4. Inserire le proprie work experiences seguendo un ordine cronologico inverso. Partendo dalle più recenti fino alle meno recenti.
  5. Scrivere il livello conoscitivo di altre lingue e, se presente, una certificazione del livello ottenuto.
  6. Non sottovalutare lecomputer skills.
  7. Avere un layout che rende il cv di facile lettura.
  8. Key achievements o risultati ottenuti da te o dall’azienda grazie al tuo lavoro.
  9. Mettere in risalto le proprie competenze in base all’annuncio a cui si vuole rispondere.
  10. Essere sempre chiaro, preciso e conciso.

Non perdere tempo, mettiti a lavoro!

Rendi il tuo cv creativo e professionale, contattaci scrivendo a giorgia.puccilli@gmail.com

Lavorare all’estero: le 10 professioni più richieste

lavorare all'estero

Lavorare all’estero: chi di noi non ha mai pensato, magari durante una vacanza, di costruirsi una nuova vita fuori dall’Italia?

Sono tanti gli italiani che negli ultimi anni hanno deciso di farlo, spinti soprattutto dalla grande richiesta, da parte delle aziende straniere, di figure provenienti dal nostro paese.

Eccoti allora, la top 10 delle professioni più ricercate all’estero!

1 – Drilling Engineer

Il drilling engineer è un ingegnere specializzato nel settore Oil&Gas che coordina un team di lavoro di almeno 20 o 30 persone.

Questa figura è molto richiesta in paesi come Arabia Saudita ed Emirati Arabi, negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

2 – Offshore Installation Manager           

L’offshore installation manager lavora prettamente sulle piattaforme petrolifere soprattutto in quei paesi dove sono presenti grandi giacimenti di petrolio come il Medio Oriente.

3 – Plant Engineer

Il plant engineer è una figura di coordinamento fra i vari reparti che si occupano della costruzione e dell’avviamento degli impianti. I paesi nei quali, questa figura, è maggiormente richiesta sono: Medio Oriente, Stati Uniti e Gran Bretagna.

4 – Market Analyst

Il market analyst è un esperto di marketing che analizza il posizionamento dei prodotti nel mercato. Questa figura è particolarmente richiesta in Germania nonché nel Regno Unito.

5 – Technical Sales

In questa categoria rientrano tutte quelle professioni che si occupano di gestire la clientela nelle attività inerenti il pre e il post vendita di un qualsiasi bene. Le professionalità che rientrano in tale categoria sono molto ricercate in Germania e in Gran Bretagna.

6 – Quality Engineer

Il quality engineer ricopre la figura di specialista del settore dell’ingegneria ed è ricercatissimo soprattutto nel Regno Unito e in Germania.

7 – Project Manager

Quella del project manager è la figura responsabile dell’avvio, della pianificazione, dell’esecuzione, del controllo e della chiusura di un progetto gestito mediante le tecniche proprie di project management. Tali figure sono molto richieste soprattutto in Australia e in Asia.

8 – Specialisti di Payroll

Gli specialisti di payroll sono figure che si occupano di contrattualistica e buste paga, sono richiesti soprattutto in Gran Bretagna.

9 – Specialisti in Risorse Umane

Questi sono specialisti che rivestono il ruolo di analista orientatore, nonché di consulente aziendale. Esperti di people raising sono richiesti specialmente nei paesi del Nord Europa.

10 – Assistenti di Direzione

Le mansioni affidate a questa figura sono: lo smistamento della posta e delle telefonate, l’archiviazione delle pratiche, la gestione dell’agenda del capo e la prenotazione di viaggi. Tuttavia, a differenza di ciò che si potrebbe pensare, il profilo dell’assistente di direzione è in realtà molto più complesso; ci sono infatti executive assistant, personal assistant, sales assistant, marketing assistant, HR assistant.

Queste figure trovano impiego, in particolar modo, in Gran Bretagna e Lussemburgo.

Lavorare all’estero: per concludere le skills fondamentali

Prima di partire per lavorare all’estero è utile sapere quali abilità, esperienze e qualità si aspettano le aziende straniere da noi. Naturalmente ciò non significa che se non si hanno queste skills non si troverà lavoro, come non significa il contrario, questa lista è solo una piccola guida nonché un punto di partenza con la quale ciascuno di noi può riconoscere e valorizzare le proprie qualità.

  1. Problem Solving
  2. Creatività
  3. Negoziazione
  4. Lateral Thinking
  5. Capacità decisionale
  6. Team Management
  7. Intelligenza emotiva
  8. Pensiero Critico
  9. Gestione Dello Stress
  10. Proattività

Lavorare all’estero: keep calm and go with Opera Project

Cos’altro aggiungere? In bocca al lupo a chiunque voglia provare a trasferirsi per lavorare all’estero, naturalmente per imparare la lingua vi aspettiamo coi nostri corsi!

Venite a trovarci in sede, in Viale Abruzzo 313, 66100 Chieti Scalo (CH)o contattaci allo 329/1960246 per avere maggiori informazioni sui corsi ed avere la vostra certificazione spendibile a livello concorsuale! Vi aspettiamo!

L’importanza del bilinguismo nella società moderna

Il mondo, anche se non ce ne accorgiamo è sempre in continua evoluzione, soprattutto dal punto di vista sociale. La società moderna, infatti, è diventata sempre più cosmopolita e, per tale ragione, risulta fondamentale la conoscenza di una seconda lingua che permette di relazionarsi in maniera ottimale con gli altri e di crescere soprattutto sia sul piano professionale che umano.

Tale discorso vale soprattutto per la lingua inglese, diventata ormai la più utilizzata e importante da conoscere. Quali sono le ragioni che ci spingono a conoscere una nuova lingua? Scopriamole insieme!

Rimanere mentalmente in forma

La conoscenza e la padronanza di una seconda lingua aiutano a mantenere il nostro cervello sano ed in forma. In questo modo saremo in grado prendere decisioni in maniera più razionale e daremo un contributo all’allontanamento delle malattie legate all’avanzare dell’età, come ad esempio l’Alzheimer.

Viaggi e cultura personale

Con un mondo in continua evoluzione nasce  e cresce l’esigenza di viaggiare verso nuove mete, per conoscere e mescolarsi con le altre culture. Da ciò ne consegue un adattamento nel luogo in cui è necessario comunicare e la prima regola per farlo è: conoscere la lingua. Cosa ci guadagniamo? Un bagaglio culturale più ricco ed una mentalità più aperta, sinonimi di crescita personale!

Crescita nel mondo del lavoro

La conoscenza dell’inglese è essenziale per entrare nel mondo del lavoro, ma non solo.
Vantare nel proprio curriculum la conoscenza e la padronanza di una seconda lingua, infatti, può essere un vantaggio reale rispetto ai concorrenti perché permette di:

  • Essere visti con un occhio di riguardo
  • Poter stabilire contatti diretti all’estero
  • Dare una spinta alla propria carriera

Un vantaggio per tutte le età

In una società che sta cambiando non c’è soluzione migliore che iniziare ad apprendere una seconda lingua già in tenera età. I bambini che sin da piccoli sono in grado di parlare una lingua diversa da quella madre, avranno una marcia in più; il confronto con una lingua ed una cultura diversa, infatti permettono di:

  • Relazionarsi più facilmente con gli altri
  • Aumentare la capacità di concentrazione e saper gestire in maniera ottimale le situazioni
  • Avere, da adulti, più possibilità nel mondo lavorativo

 Con Opera Project puoi certificare il tuo inglese e beneficiare di tutti i vantaggi!

Non c’è cosa più bella di conoscere, vivere e comunicare con persone di altre culture, aumentando il nostro bagaglio umano e professionale!
Con Opera Project puoi, grazie allo staff composto da docenti esperti che sono in grado di garantire lo sviluppo di figure professionali con competenze che siano in linea con le aziende e con la società odierna!
In particolare Opera Project è centro di formazione autorizzato per la certificazione ESB English Speaking Board, a cui corrispondono i Livelli europei del QCER – CEFR. La certificazione ESB è riconosciuta dal MIUR, approvata dal OFQUAL unico organismo del Regno Unito che ha il potere di accreditare qualifiche ed esami e riconosciuta in Italia e nel mondo da scuole, università, pubbliche amministrazioni e aziende.

Tale certificazione, è completa perché valuta in maniera approfondita e professionale le cinque abilità linguistiche:

  • Speaking, per poter partecipare a una conversazione affrontando vari argomenti;
  • Listening, per poter capire l’inglese parlato;
  • Use of English, per dimostrare la conoscenza e il controllo della lingua;
  • Reading, per leggere e capire i testi, deducendone il significato;
  • Writing, per poter scrivere in modo efficiente testi, nell’ambito di vari argomenti.

Vuoi scoprire tutti i nostri servizi?

Vieni a trovarci in sede, in Viale Abruzzo 313, 66100 Chieti Scalo (CH) o contattaci allo 329/1960246 per avere maggiori informazioni sui corsi ed avere la tua certificazione che ti permetterà di crescere dal punto vista professionale ed umano ed essere in sintonia con la società moderna. Ti aspettiamo!

Certifica il tuo inglese con Opera Project

Oggi più che mai la conoscenza della lingua inglese è fondamentale non solo per essere in grado di affrontare un viaggio oltreoceano, ma anche e soprattutto, per entrare nel mondo del lavoro.

Al momento della stesura del proprio CV, è importante mettere in evidenza la presenza di Certificazioni specifiche che attestino la competenza e la padronanza nell’uso orale e scritto della lingua. Tutto ciò è altresì, fondamentale e, in alcuni casi obbligatorio, per:

  • poter partecipare a concorsi pubblici,
  • aggiudicarsi un maggior numero di punti per salire nella graduatoria,
  • partire avvantaggiato durante un colloquio di lavoro.

Opera Project è un’agenzia formativa riconosciuta dalla regione Abruzzo che eroga servizi di formazione al fine di garantire lo sviluppo di figure professionali con competenze che siano in linea con le aziende e con la società odierna.
Nello specifico, Opera Project è centro di formazione autorizzato per la certificazione ESB English Speaking Board.

L’ESB è l’ente certificatore internazionale delle competenze linguistiche per la lingua inglese a cui corrispondono i Livelli europei del QCER (CEFR) – Quadro Comune Europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue. Scopriamo insieme i vantaggi che offre questo prestigioso ente!

Riconoscimenti e vantaggi dell ‘ESB English Speaking Board

La certificazione ESB English Speaking Board è riconosciuta dal MIUR e approvata da OFQUAL: unico organismo del Regno Unito che ha il potere di accreditare qualifiche ed esami.
Questa certificazione è riconosciuta, inoltre, in Italia e nel mondo da scuole, università, pubbliche amministrazioni e aziende e offre il vantaggio di:

  • ottenere un maggior punteggio in sede di concorso pubblico,
  • garantire un credito formativo scolastico e universitario,
  • essere valutate come certificazione delle competenze linguistiche per progetti finanziati.

Come si compone la certificazione ESB English Speaking Board

La certificazione ESB English Speaking Board è completa perché testa in maniera approfondita e professionale le cinque abilità linguistiche:

  • Speaking, per poter partecipare a una conversazione affrontando vari argomenti,
  • Listening, per poter capire l’inglese parlato,
  • Use of English, per dimostrare la conoscenza e il controllo della lingua,
  • Reading, per leggere e capire i testi, deducendone il significato,
  • Writing, per poter scrivere in modo efficiente testi, nell’ambito di vari argomenti.

Esol Young Learnes: certificazioni ESB English Speaking Board per tutte le età!

ESB English Speaking Board pensa proprio a tutti!
L’ente, infatti, propone esami Esol Young Learnes per bambini e ragazzi dai 6 ai 15 anni suddivisi in 9 livelli, al fine di far avere sin da subito una certa padronanza della lingua.

Esol Young Learnes per bambini di età 6 – 11 anni
Gli esami per questa fascia di età sono piacevoli, motivanti e divertenti: il bambino partecipa con entusiasmo e dimostra le sue abilità linguistiche ed espressive in inglese, testando:

  • Speaking
  • Listening
  • Reading
  • Writing

 Esol Young Learnes per ragazzi di età 11 – 15 anni
Gli esami dedicati a questa fascia di età si concentrano su specifiche aree di competenza che guidano gradualmente gli studenti verso gli esami ESOL International per adulti.
Le abilità linguistiche testate sono:

  • Speaking
  • Listening
  • Reading
  • Writing
  • Use of English

Con Opera Project ottienile certificazioni ESB e sei affiancato da tutor esperti in grado di affiancarti nel percorso verso la conoscenza approfondita della lingua inglese.

Vuoi scoprire tutti i nostri servizi?
Vieni a trovarci in sede, in Viale Abruzzo 313, 66100 Chieti Scalo (CH) o contattaci allo 329/1960246 per avere maggiori informazioni sui corsi ed avere un certificato che attesti la tua reale padronanza della lingua inglese! Ti aspettiamo!

La Pasqua nel Regno Unito: tradizioni e riti

La Pasqua in Italia è vissuta come un evento di fede e spiritualità dedicato alla Morte e Risurrezione di Gesù Cristo. Ma cosa accade nei paesi del Regno Unito? Ogni cittadina ha proprie tradizioni, riti, usanze ed eventi; scopriamo insieme cosa accade oltre Manica.

Cenni storici sulla Pasqua nel Regno Unito

L’arrivo della Pasqua nel Regno Unito è un evento particolarmente gioioso, perché segna la fine del lungo e freddo inverno britannico e l’inizio ufficiale della primavera. Ma c’è di più! La Pasqua ha, per gli inglesi, un significato che affonda le radici nella storia. La parola Easter, è stata associata per secoli ai culti politeisti dei Celti e dei Sassoni. La parola “Easterdaeg”, infatti, derivava dal nome della dea pagana anglosassone Eostre, venerata come dea della primavera e della rinascita. In suo onore era usanza accendere enormi falò e, secondo la tradizione popolare, all’alba del giorno di Pasqua, la dea iniziava a ballare attorno al sole.
Questa tradizione è ancora oggi viva nelle zone del Derbyshire e del Castletlon tra i contadini e i pastori, che il mattino di Pasqua, si alzano presto per vedere sorgere il sole. Da questa dea, raffigurata con la forma di un coniglio, deriva la tradizione degli Easter Bunnies: i coniglietti pasquali regalati ai bambini.

Le uova di cioccolato: un regalo sempre molto apprezzato

Come nella tradizione italiana, anche nel Regno Unito, avviene lo scambio delle uova di cioccolato. Questa è un’usanza che deriva da molto lontano anche se, nell’antichità, ci si scambiavano delle reali uova bollite che venivano decorate e dipinte con tonalità brillanti che rappresentavano la primavera.

Missione Coniglio Pasquale

Nel Regno Unito, la domenica di Pasqua, i bambini si divertono ad andare alla ricerca della loro sorpresa con una vera e propria caccia all’uovo chiamata Easter Egg Hunt.

Egg Rolling: uova in discesa

Altra usanza del Regno Unito è il gioco dell’Egg Rolling: una gara in cui i bambini fanno rotolare delle uova soda decorate da una collina e, inseguendole devono cercare di essere i primi a raggiungerle al momento del traguardo. Il premio? Tanti conigli e uova di cioccolato!

Pranzo in famiglia: affetti e tradizione

Come gli italiani, anche gli inglesi si riuniscono per celebrare insieme il giorno della Pasqua portando in tavola cibi e piatti tradizionali:

  • Cosciotto di agnello stufato con erbe, verdure, patate e salsa alla menta
  • Hot Cross Bus, un piccolo panino caldo con uvetta e cannella decorato con una croce glassata, simboleggiante la passione di Cristo
  • Simnel Cake, altro dolce che simboleggia la fine della Quaresima in quanto ricco di spezie, frutta e marzapane, tutti ingredienti proibiti durante il periodo quaresimale.

Good Friday e Maundy Money: giorni di festa

Nella giornata del Giovedì Santo, nell’abbazia di Westminster, si pratica la cerimonia del Maundy Money. In questa occasione l’Arcivescovo o il sovrano donano monete, coniate appositamente, ai poveri.
Il Good Friday, Venerdì Santo e il Lunedì dell’Angelo sono due giorni di festa nazionale. Questi 2 giorni diventano una occasione per trascorrere del tempo insieme organizzando pic nic nei parchi e sfide al marble-playing, il gioco delle biglie colorate.

La domenica di Pasqua: paesi in festa

Nel giorno della domenica di Pasqua è usanza scatenarsi con il Morris Dancing, in cui gli uomini danzano per le strade indossando costumi tradizionali, cappelli, nastri e campanelle attorno alle caviglie.
Anche le donne, il giorno della domenica di Pasqua, amano travestirsi indossando costumi tipici con copricapo pasquali coloratissimi e decorati con fiori e nastri.
Non è tutto! Il giorno di Pasqua vengono allestiti in diverse zone mercati e fiere nei quali è possibile trovare prodotti tipici, fiori e bulbi da piantare per l’inizio della nuova stagione.

Bando Concorso per docenti 2018

Il Bando di Concorso per la selezione a tempo indeterminato di docenti abilitati all’insegnamento nella scuola secondaria di primo e secondo grado è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Per partecipare basta presentare la domanda, accedendo al portale del MIUR e seguire la procedura delle istanze online, entro le ore 23,59 del giorno 22 marzo 2018.  Scopri di più >  http://www.istruzione.it/polis/Istanzeonline.htm. 

Chi potrà partecipare?

Il Bando di Concorso è rivolto agli insegnanti abilitati, compresi coloro che sono specializzati nel sostegno e i docenti che sono già di ruolo. Vediamo nello specifico i requisiti di accesso al Concorso:

  • Titolo di abilitazione all’insegnamento della scuola secondaria di primo o secondo grado, conseguito entro il 31 maggio 2017;
  • Per gli Insegnanti Tecnici Pratici (ITP), basta essere iscritti nelle GAE (Graduatorie ad Esaurimento)o nelle graduatorie di istituto di II fascia, alla data 31 maggio 2017;
  • Per il sostegno, oltre ai requisiti precedenti, è necessario possedere la specializzazione di sostegno.

Possono inoltre, essere ammessi con riserva, alla procedura:

  • Docenti abilitati che conseguono la specializzazione per il sostegno entro il 30 giugno 2018;
  • Docenti che hanno conseguito il titolo abilitante o la specializzazione sul sostegno all’estero entro il 31 maggio 2017.

 Come si svolge il concorso

Il concorso si articola in 3 fasi:

  • Prova orale
  • FIT
  • Valutazione finale

La prova orale

La prova orale assume un peso importantissimo nella valutazione finale del concorso perché consiste in un colloquio di natura didattico-metodologica, durante il quale verrà valutata la conoscenza della lingua straniera a scelta tra inglese, francese, tedesco e spagnolo.
Verranno, inoltre, valutate le conoscenze base di informatica e ICT, alle quali verranno attribuite un punteggio massimo di 3 punti.

 Valutazione titoli

Per questo bando le certificazioni linguistiche sono importanti perché permettono di prendere un maggior punteggio, nello specifico si valuteranno i titoli relativi alle certificazioni linguistiche del livello C1 nella lingua straniera, a cui saranno riconosciuti 6 punti e del livello C2 a cui ne saranno riconosciuti 9.

 Con Opera Project è facilissimo e sei più sicuro!

Se sei un insegnante e vuoi partecipare al concorso, ma non hai le certificazioni C1 e C2 per accedere, non c’è nessun problema perché con Opera Project puoi sostenere sessioni d’esami in tempi brevissimi ed acquisire le certificazioni di cui hai bisogno.

O6X2VI0.jpg

Al fine di avere una certificazione valutabile e riconosciuta a livelli concorsuali, scopri la nostra Certificazione ESB (English Speaking Board), a cui corrispondono i Livelli europei del QCER – CEFR: riconosciuta dal MIUR, approvata dal OFQUAL unico organismo del Regno Unito che ha il potere di accreditare qualifiche ed esami e riconosciuta in Italia e nel mondo da scuole, università, pubbliche amministrazioni e aziende.

La certificazione ESB è completa perché valuta in maniera approfondita e professionale le cinque abilità linguistiche:

  • Speaking, per poter partecipare a una conversazione affrontando vari argomenti;
  • Listening, per poter capire l’inglese parlato;
  • Use of English, per dimostrare la conoscenza e il controllo della lingua;
  • Reading, per leggere e capire i testi, deducendone il significato;
  • Writing, per poter scrivere in modo efficiente testi, contestualizzati in molteplici argomenti.

Vuoi scoprire tutti i nostri servizi?
Vieni a trovarci in sede, in Viale Abruzzo 313, 66100 Chieti Scalo (CH)o contattaci allo 329/1960246 per avere maggiori informazioni sui corsi ed avere la tua certificazione spendibile a livello concorsuale! Ti aspettiamo!